Parliamo di... Bilanciamento Stecca da Biliardo

Indice dei contenuti

Un capitolo importante per ogni giocatore, amatore e non, è quello relativo al bilanciamento stecca da biliardo. Ho notato che su questo argomento esiste molta confusione e tanti falsi miti, concetti errati, incompleti o mal spiegati.

Ti consiglio ...
  • Custodia per stecca da Biliardo
  • Lm-Guanto_Buffalo
  • LM-Raschietto-Sandman
  • Accessori per stecche da biliardo: Porta gessi
  • LM-Gray
  • Accessori per stecche da biliardo: cuoietti
  • Accessori per stecche da biliardo: le guaine
  • Accessori per stecche da biliardo: il temperino
  • LM-Accessori_CustodiaLapertiLux1

Bilanciamento Stecca da Biliardo: cosa si intende?

Prima affrontare il discorso relativo al bilanciamento della tua stecca da biliardo occorre capire di cosa stiamo parlando. Tutto parte e passa dal posizionamento del baricentro del nostro attrezzo da gioco.

Per farla assai breve, e detto in parole molto spicce, il baricentro è quel punto di un qualsiasi corpo sul quale ci si concentra la nostra attenzione; questo per tutta una serie di questioni che attengono allo studio delle interazioni che questo corpo ha con quanto lo circonda, interazioni che vengono descritte mediante le leggi della Fisica.

Converrai con me che invece di ragionare su di un corpo dalla forma complessa è più semplice, a primo acchito, pensare che le sue caratteristiche siano racchiuse in un unico punto, non pensi 😀 😀 😀 😀 ?

Ti consiglio ...
  • Lm-Guanto_Buffalo
  • LM-Raschietto-Sandman
  • Custodia per stecca da Biliardo
  • LM-Gray
  • Accessori per stecche da biliardo: il temperino
  • Accessori per stecche da biliardo: cuoietti
  • LM-Accessori_CustodiaLapertiLux1
  • Accessori per stecche da biliardo: le guaine
  • Accessori per stecche da biliardo: Porta gessi

Bilanciamento Stecca da Biliardo: trovare il baricentro del tuo attrezzo!

Per poter quindi discutere di Bilanciamento della tua Stecca da Biliardo occorre prima di ogni cosa identificarne il baricentro. In realtà le formule per la corretta identificazione di questo semplicissimo punto sono assai complicate.

Fortunatamente esiste un metodo pratico che ci consente di individuare con una buona approssimazione questo punto. Per identificarlo segui queste indicazioni:

 

  • Prendi la tua stecca da biliardo e tienila in posizione orizzontale su di una mano.
  • Stendi l’altro braccio con l’indice della mano teso e poggiavi la stecca sopra ( sempre orizzontalmente ).
  • Sposta l’attrezzo fino a quando non sta perfettamente in equilibrio sul tuo dito; ciò significa che la stecca non deve cadere né in avanti ( verso il puntale ) né indietro ( verso l’impugnatura ).
  • Quando sarà raggiunto l’equilibrio, avrai trovato la posizione del baricentro della tua stecca da biliardo che potrai misurare a partire dalla parte posteriore della stessa.

Bilanciamento Stecca da Biliardo: il baricentro

Ora che conosciamo la posizione di questo punto possiamo ottenere numericamente il valore di Bilanciamento della nostra Stecca da Biliardo: basterà calcolare la distanza tra il punto di equilibrio sopra individuato e la parte finale del nostro attrezzo.

Ti consiglio ...
  • LM-Gray
  • LM-Accessori_CustodiaLapertiLux1
  • Accessori per stecche da biliardo: Porta gessi
  • Lm-Guanto_Buffalo
  • LM-Raschietto-Sandman
  • Accessori per stecche da biliardo: cuoietti
  • Accessori per stecche da biliardo: il temperino
  • Custodia per stecca da Biliardo
  • Accessori per stecche da biliardo: le guaine

Bilanciamento Stecca da Biliardo: si può intervenire?

 

Bilanciamento Stecca da Biliardo: l'asta porta pesiTutte le “moderne” stecche biliardo per il gioco dei 5-9 birilli dispongono di un sistema di peso e bilanciamento variabile; questo sistema fu brevettato da una storica azienda del settore e successivamente utilizzato da tutte le altre; in buona sostanza attraverso dei pesi che si muovono lungo un’asta interna al nostro attrezzo viene data la possibilità al giocatore di intervenire sul baricentro in maniera da ottenere differenti configurazioni.

 

 

Se ti interessa scoprire di più sul discorso Bilanciamento Stecca da Biliardo tentando di scoprire quale sia la configurazione ideale per il tuo tipo di gioco seguimi, ne parlerò certamente in un altro articolo.

Se hai trovato interessanti questi informazioni, ti invito a condividere questo articolo con i tuoi amici attraverso i ” tasti sociali” che trovi qui di seguito. Volendo puoi anche lasciare un tuo commento nello spazio appositamente dedicato a fondo pagina oppure puoi iscriverti alla newsletter per essere informato ad ogni pubblicazione di un mio articolo.

Un saluto e … alla prossima.

Ti consiglio ...
  • LM-Accessori_CustodiaLapertiLux1
  • LM-Raschietto-Sandman
  • Lm-Guanto_Buffalo
  • LM-Gray
  • Accessori per stecche da biliardo: il temperino
  • Accessori per stecche da biliardo: cuoietti
  • Accessori per stecche da biliardo: le guaine
  • Accessori per stecche da biliardo: Porta gessi
  • Custodia per stecca da Biliardo

4 risposte

  1. Ciao Davide innanzitutto voglio complimentarmi per questa iniziativa di cui condivido il pensiero che , in rete (…e anche in sala…) se ne sentono di tutti i “colori”. Spero proprio che questa idea ,piena di buoni propositi, si sviluppi nella giusta direzione. Detto ciò ho qualche dubbi sull’argomento BILANCIAMENTO e BARICENTRO . La domanda é semplice : quando spieghi come trovare il baricentro del ns attrezzo , non mi è chiaro il concetto se tale operazione va effettuata con l’asta e relativi pesi ?…..oppure se la ricerca del baricentro va trovata nella “naturale” struttura dei legni e puntali….quindi eliminando i pesi soltanto o completamente sfilando l’ asta portapesi e relativi pesi . Forse mi son un pò ripetuto ma volevo che fosse più chiara possibile la mia domanda.. Spero tu possa proseguire l’argomento del bilanciamento come anticipi nel capitolo sopra citato.
    Ciao a tutti e grazie per l’attenzione che vorrai dedicarmi.
    Fede

    1. Comincio con il ringraziarti per i complimenti; spero di essere utile a risolvere/rispondere alle vostre domande. Avrò certamente bisogno anche del vostro aiuto per “rimanere sempre sul pezzo” e mantener fede ai buoni propositi che hanno mosso questo mio progetto.
      Passando alla tua domanda: la bilanciata dell’attrezzo va considerata nel suo complesso ( quindi inclusa asta porta-pesi ). L’argomento, come anticipato, è assai complesso e cercherò di analizzarlo un maniera dettagliata anche grazie alle vostre eventuali domande. Ad ogni modo come scritto nei due articoli che al momento ho dedicato a questo capitolo, un attrezzo dovrebbe nascere già con una buona bilanciata strutturale ( questo è compito di chi progetta/costruisce ); le regolazioni ( sul bilanciere interno ) vanno pensate solo come una ulteriore calibrazione “di fino” che consenta al giocatore un minimo di personalizzazione. Grazie ancora dell’intervento e buona giornata.

  2. BUONGIORNO biliardo blog x quanto riguarda il bilanciamento la mia stecca con tutti i pesi ha un bilanciamento a 43 cm x portarla a 41 dovrei mettere altri pesi ma cosi facendo aumenteràil peso totale premetto che già pesa 650 gr

    1. Buongiorno.
      La bilanciatura di una stecca non è mai facile da mutare in maniera sostanziale. Gli interventi concessi con lo spostamento dei pesi lungo la barra filettata, solitamente non incidono in maniera determinante su quel valore. Tutto dipende spesso dalla bilanciatura strutturale dell’attrezzo. Dovrebbe verificare il dato ad attrezzo scaricato totalmente dai pesi. Da lì , come accade in una bilancia, aggiungerà i pesi più avanti o più indietro rispetto al punto di equilibrio fino ad ottenere un valore più vicino possibile a quello gradito. Da quel punto in poi, per ottenere ulteriori variazioni della bilanciatura si dovrà intervenire su aggiunta di pesi o modifiche strutturali. Per le prime, consideri che la tendenza di molti giocatori é quella di spingersi anche a 660/670 grammi (deve però sperimentare lei se la soluzione la aiuta nel suo gioco). Sulle modifiche strutturali invece il discorso è più complesso ed il mio consiglio è sempre quello di evitare il “fai da te” affidandosi ad esperti (ad esempio l’azienda costruttrice). Spero di esserle stato d’aiuto. Grazie per la domanda. Un saluto e… alla prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri altri articoli della stessa categoria

Classifica