Stecca da biliardo che gira dritta

Ti interessa sapere se la tua è una stecca da biliardo che gira dritta? Leggi il seguente articolo fino in fondo e ti indicherò il metodo migliore per scoprirlo.

Una Stecca da biliardo che gira dritta: come scoprirlo?

Questa è una delle domande che spesso mi capita di sentirmi sottoporre; anzi per la verità quello che capita è che il cliente mi dica :

” ho provato a far girare la stecca sul biliardo per vedere se è dritta e …. !”

A chi per telefono mi dice quanto sopra non posso che rispondere che non è questa la maniera per vedere se la tua è una stecca da biliardo che gira dritta.

Perché?

Le ragioni sono molteplici e sono tutte legate all’artigianalità con la quale un stecca da biliardo viene realizzata da noi e da moltissime delle altre aziende italiane che si occupano di di attrezzi per i 5- 9 birilli. Non sono tanto le prime operazioni di tornitura a complicare le cose. Queste vengono realizzate attraverso l’impiego di macchine utensili che, per nuove o vecchie che siano, certamente sono in grado di garantire una tronco-conicità degli elementi ottima per tolleranza.

A complicare le cose sono invece le fasi successive: trattanti, decorazioni, carteggiatura e fasi di verniciatura; tutte queste sono realizzate a mano ed è quindi insito l’ “errore umano” inteso come capacità di mantenere inalterato il grado di tolleranza su alcune dimensioni; più che di errore, quindi, occorrerebbe parlare di imprecisione ( se paragonata al lavoro di macchinari utensili ). Il fatto che la perfetta tronco-conicità non venga mantenuta non è infatti un errore che pregiudica la qualità/funzionalità tecnica di un attrezzo da gioco.

Questo aspetto di artigianalità nella produzione unitamente ad altri fattori ( come le più conicità presenti su di una stecca, il bollino ecc. ) rendono difficoltosa la prova di rotolamento dell’attrezzo su di un piano per verificare che si tratti di una stecca da biliardo che gira dritta.

Stecca da Biliardo che gira dritta: quello che mi deve interessare.

Cosa significa veramente chiedersi se una stecca gira dritta?

Spesso non lo comprendono neppure i giocatori all’apparenza più navigati; da qui tutte le varie “fisime” che alcune persone oltremodo confuse e meticolose finiscono per mettersi e mettervi nella testa.

Ecco che “la mia stecca gira dritta sul panno” diventa spesso sinonimo di “la mia stecca tira dritta”; sbagliato: questi sono due concetti completamente scollegati.

Quello che realmente deve interessare è che l’asse della stecca si mantenga unico per tutte la lunghezza dell’attrezzo. Solo in questo modo io sono certo di andare effettivamente ad impattare sulla bilia nell’esatto punto in cui ho mirato durante la fase di brandeggio della stecca ( ovvero la fase nella quale la stecca viene fatta andare avanti ed indietro prima dell’impatto con la bilia ).

Stecca da Biliardo che gira dritta: la vera prova del nove!!!

Ecco quindi che interessandomi la coassialità dei vari elementi della stecca ( solitamente manico e puntale ), la prova più veritiera da eseguire può essere solamente una. Segui questi passi:

 

Stecca biliardo che gira dritta

  • Capovolgi la stecca in modo da poggiare il cuoietto sul pavimento;
  • Tieni l’attrezzo in verticale ( quanto più perfettamente possiamo );
  • Fai ruotare l’attrezzo attorno al proprio asse;

Se, soprattutto in corrispondenza delle giunture ( manico-puntale ), non avverti nessun tipo di movimento anomalo ( sbandamento o sfarfallamento dell’attrezzo ) allora puoi dire che il tuo attrezzo ruota attorno ad un unico asse e quindi che la tua è una stecca da biliardo che gira dritta.

 

 

Spero con questo articolo aver tolto ogni dubbio circa questo aspetto. Se hai qualche domanda o commento da fare non esitare: sfrutta la sezione a fondo articolo dedicata appositamente ai vostri “interventi“.

Se poi questo articolo ti è piaciuto ti invito a condividerlo con i tuoi amici attraverso i “bottoni sociali” che trovi  qui sotto. Volendo hai anche la possibilità di iscriverti alla newsletter per essere informato all’uscita di ogni mio articolo.

Un saluto e … alla prossima.

[template id=”163″ Spazio]