Il cuoio per stecche da biliardo

Il cuoio per stecche da biliardo: è un dilemma quale scegliere!!!

Che tu sia un amatore alla prime armi piuttosto che un navigato giocatore, sicuramente almeno una volta nella vita ti sarai chiesto quale sia la soluzione migliore per ottenere il massimo dal tuo attrezzo. In questo articolo cercherò di darti qualche informazione di carattere tecnico.

Data la vastità dell’argomento, in questa sede fornirò un “prima infarinatura”! 😉

Banner 728 x 90

Il cuoio per stecche da biliardo: è veramente importante?

Cominciamo con lo sfatare un mito; va bene che il cuoietto è una parte importante dell’attrezzo da gioco ma non pensare che i suoi 4/8 mm possano incidere in maniera assoluta su di un attrezzo la cui lunghezza  totale viaggia intorno ai 142 cm ( = 1420 mm ).

Ok, il cuoio è di certo l’elemento che urta la bilia consentendo di fatto la trasmissione del colpo impartito ma … ma non credere che eventuali errori possano essere totalmente imputabili alla sua scelta.

Semmai in caso di problemi, la prima domanda che devi farti, è se lo stesso cuoio sia stato montato bene ( in futuro,  vedrò di trattare anche questo delicato aspetto ); del resto a cosa serve un buon cuoio per stecche da biliardo se non è stato montato a dovere?

Bene, fatto questo necessario appunto circa l’effettivo peso di questo elemento della nostra attrezzatura da gioco, passiamo ad aspetti più tecnici e forse più utili … 😉

Cuoio per stecche da biliardo: cosa li caratterizza?

Il cuoio per stecche da biliardoNe ho sentite veramente di tutti i colori su questo argomento: spesso le persone mi telefonano o mi scrivono email chiedendomi informazioni su un certo tipo di cuoio di cui hanno sentito parlare! La confusione regna sovrana quindi, mettiamo un po’ d’ordine.

Prima ancora che del nome e delle mode del momento, gli aspetti principali che caratterizzano un buon cuoietto, a mio modesto parere, sono 3; due di tipo intrinseco ed uno legato all’utilizzatore; a livello intrinseco, parlo del materiale di cui il cuoio è composto e della sua durezza ( che poi è strettamente legata anche al primo fattore ). Il terzo fattore, quello legato all’utilizzatore, viene spesso sottovalutato proprio perché slegato dal cuoio stesso ed è la sua cura/manutenzione.

Analizziamoli:

1- Il materiale sta certamente alla base di ogni discorso, soprattutto ora che il mercato cinese ci sta invadendo con i suoi cloni! Attenzione quindi alla provenienza. Vuoi maggiore  garanzia di una buona scelta? Per i tuoi acquisti rivolgiti sempre a canali affidabili 😉 .

Torniamo a noi; attualmente i materiali più impiegati per la realizzazione del cuoi per stecche da biliardo sono “pellami di tipo Bovino o Suino”; le differenze tra di loro stanno nella capacità di trattenere il gesso; questo è un aspetto importante per maggiorare “la presa sulla bilia”.

Sai quando in gergo senti parlare di un cuoio che morde?!?

Bene questo è un cuoio che ha un buon grip sulla bilia e quindi è in grado di trasmettere bene il colpo ( soprattutto se dato con effetto ). Il materiale, quindi, incide su questo fattore fondamentale.

2- Il secondo aspetto fondamentale è la durezza. A rigor di logica un cuoi “duro” trasmette il colpo con minori dissipazioni durante l’urto. Giusto per rendere l’idea, utilizzo un esempio per assurdo: se il cuoi fosse “molle”, durante l’impatto tenderebbe a schiacciarsi allargandosi; il colpo impartito verrebbe quindi suddiviso tra quel che finisce realmente sulla biglia spingendola avanti e quello che il cuoio “assorbe” in questa sua deformazione.

Attenzione però: non pensare di risolvere ogni tuo problema scegliendo il cuoi più duro che esiste sul mercato. Sarebbe troppo facile! nella durezza di un cuoio per stecche da biliardo sono infatti insiti alcuni svantaggi:

  • il primo è quello di tipo acustico ovvero il suono all’impatto. Può sembrare illogico ma credimi quando ti dico che un suono sgradevole ha delle ripercussioni sull’effetto del colpo ( e per effetto intendo esito ); spesso trattasi di  fattori puramente psicologici e tipici di un giocatore navigato il quale sostiene che già dal rumore all’impatto è in grado di capire se il colpo effettuato avrà il risultato desiderato. Ed un giocatore che si approccia al colpo timoroso perché disturbato da un’acustica non soddisfacente è certamente un giocatore che commetterà errori. Ecco perché il fattore acustico ha la sua importanza.
  • Il secondo tipo di svantaggio legato alla durezza del cuoi per stecca da biliardo è di tipo strettamente più tecnico: abbiamo sopra detto che un cuoi duro trasmette il colpo in maniera fedele, riducendo le dissipazioni; questo significa che se il tiro è stato eseguito in maniera corretta sotto tutti i punti di vista ( forze, effetti, punto palla ecc.), allora non ci saranno problemi! Se anche solo uno degli elementi che stanno alla base dell’esecuzione non è stato calibrato a dovere, beh, l’errore sarà evidente! un tantino di morbidezza quindi non guasta soprattutto per quei giocatori alle prime armi oppure il cui rendimento di gioco non è costante nell’arco della partita.

3- In ultimo la manutenzione del tuoi cuoio per stecche da biliardo. Qui l’argomento è veramente vasto e quindi conto di affrontarlo successivamente all’interno di un apposito articolo. Seguimi … 😀 😀 😀 .

In questa sede preferisco concentrarmi sugli aspetti intrinseci del cuoio per stecca da biliardo.

Ed allora, ti starai domandando:

“è tutto qui quello che devo sapere sul cuoio per stecche da biliardo? Materiale, durezza e basta? e cosa cambia tra i cuoietti monostrato e multistrato?”

Beh, i fattori intrinsechi che ne determinano la qualità, per me, sono questi; sono gli elementi da cui occorre partire per cominciare a capire come muoversi nella vastità di prodotti che offre il mercato. Il discorso legato ai cuoietti monostrato/multistrato ha certamente un suo peso ma, anche in quel caso, i fattori che stanno alla base sono pur sempre materiale e durezza. Se desideri altre delucidazioni, magari proprio riguardanti i tanto nominati cuoietti multistrato, puoi sempre fare riferimento ad una paginetta internet, ben fatta, il cui link è riportato verso il fondo di questo articolo. Io tratterò l’argomento in maniera dettagliata in futuro.

Cuoio per stecche da biliardo: altro materiale da leggere!

Quanto ho sopra scritto è certamente frutto della mia esperienza lavorativa. Se sei nuovo del blog e non sai quali competenze io abbia per parlare di questo argomento, alla fine di questa lettura, visita la pagina che ho dedicato al “chi sono “ per presentarmi!

Oltre all’esperienza lavorativa, ho anche spesso ricercato informazioni attraverso questo potente mezzo che è la Rete. Tutto nel tentativo di aumentare le mie conoscenze sull’argomento. Sfortunatamente su internet si trova di tutto ed il contrario di tutto; anche l’argomento cuoio per stecche da biliardo non fa eccezione 🙁 .

Ho sinceramente smesso di consultare forum e community da svariato tempo; lì trovi solo pareri personali e non sai da parte di chi! E spesso ti imbatti anche in discussioni dai toni accesi dettati magari da interessi specifici: il mercato dei cuoietti pare essere diventato il nuovo “el dorado” del biliardo. Trattasi infatti di accessori consumabili, dal costo diciamo modico; e questi fattori attirano l’interesse di molte persone che cercano un riempitivo a livello economico prima ancora che di fornire un servizio. Spesso sono persone che sfruttano magari la loro “ fama locale” per propinarti il loro cuoio per stecche da biliardo … ma mica uno qualsiasi 😉 … uno di quelli che “ … bla bla bla! “

Quindi attenzione!

Se sei interessato ad altre informazioni ti consiglio di leggere una delle poche paginette dedicate da un’azienda del settore che ha tentato di fare un tantino più di luce sull’argomento.

Per poter leggere questo ulteriore articolo ti chiedo la cortesia di condividere questo post con i tuoi amici; ti basterà cliccare su uno dei bottoni sociali che trovi nel riquadro azzurro qui sotto e poi ricaricare la pagina. Non chiedo tanto no? 😉 Quindi …

Cuoio per stecche da biliardo: conclusioni.

In ultimo, ricordati però due cose importanti:

 

  1. Il cuoio che più si adatta al tuo gioco lo devi cercare; una volta trovato, non precluderti il cambiamento soprattutto se tra la tua attrezzatura da biliardo hai più puntali su cui sperimentare.
  2. Assicurati sempre che il montaggio venga fatto da persone che sappiano il fatto loro; infatti spiegami a cosa serve investire magari 15/20 € per l’acquisto di un super cuoio per stecche da biliardo se poi non viene montato a dovere. Un cuoio ben montato dura a lungo; vale quindi la pena affidarsi ad aziende del settore per l’istallazione.

 

Credo di averti detto tutto sull’argomento cuoio per stecche da biliardo. Spero di esserti stato d’aiuto. Per ogni domanda o considerazione non esitare ad utilizzare la sezione dei commenti qui sotto.

Mi farebbe anche piacere se tu potessi condividere questo articolo con i tuoi amici sfruttando uno dei bottoni sociali che trovi qui di seguito.

Se vuoi essere informato sui prossimi argomenti in uscita iscriviti alla mia newsletter; in questo modo verrai informato solo all’uscita degli articoli.

Un saluto e .. alla prossima! 😀

Banner 728 x 90

[template id=”163″ Spazio]