Cosa influenza la spinta di una stecca da biliardo?

Ti stai ancora domandando cosa influenza la spinta di una stecca da biliardo? Leggi queste ultime righe che ho dedicato all’argomento … 

Questo è il capitoletto conclusivo ( al momento ) che consente di avere almeno una panoramica più dettagliata dell’argomento. 😉

banner-Amazon

Cosa influenza la Spinta di una Stecca da Biliardo: un passo indietro.

Prima di completare il discorso su cosa influenza la Spinta del tuo attrezzo da gioco, ti consiglio di leggere i due capitoli precedenti. Le righe sottostanti sono infatti il proseguimento di un discorso cominciato settimane addietro.

A parer mio è dunque importante che tu faccia qualche passetto indietro al fine di non perderti il filo logico che sta dietro alle considerazioni successive.

I link relativi ai precedenti articoli sono qui di seguito:

Bene! Adesso puoi andare avanti … 😀

Cosa influenza la Spinta di una Stecca da Biliardo: il Bilanciamento Strutturale.

Un aspetto che a parer mio è da ritenersi fondamentale nella determinazione della spinta della stecca è il suo bilanciamento strutturale; parlo di quello che si ottiene dalla misurazione ( del bilanciamento ) della stecca nella sua configurazione senza pesi.

Il perché il bilanciamento ( e soprattutto quello strutturale ) risulti importante per la spinta è forse meno intuitivo rispetto alla correlazione con il peso di cui parlato nel capitolo precedente.

Per spiegarti, mi butto sul banale; utilizzo un esempio che susciterà forse qualche iniziale perplessità. Immagina di ricevere un pugno in viso; immagina che chi te lo sferra, per assicurarti di provocarti dolore, tenga in mano un blocchetto di ferro! ahi che male … 😀 .

Ora immagina che lo stesso pugno ti venga sferrato con la mano vuota e che il peso di prima ( uguale in termini assoluti ) sia invece collocato sempre sul braccio sotto forma di bracciale, orologio o altro.

Io personalmente credo che avvertiresti più dolore nel primo dei due casi nonostante la massa che impatta ( e la sua velocità ) restino immutate.

Come ti ho detto, lascia stare la tipologia di esempio veramente al limite. Il concetto che volevo farti capire è che oltre al peso ed alla velocità di un elemento, l’esito finale di un urto è strettamente correlato anche a dove è collocato il baricentro ( delle masse che urtano ).

E se pensi che la tua stecca per impartire del moto alla bilia deve urtarci contro ed in aggiunta fai un parallelismo tra il dolore provato ( nell’esempio precedente ) e l’intensità con cui il moto si sviluppa … allora forse ti risulterà un tantino più chiara quale sia la correlazione tra la Spinta della Stecca e la sua bilanciatura.

Banner SolarisSport

Cosa influenza la Spinta di una Stecca da Biliardo: la Rigidezza Strutturale.

Avevo indicato nella Rigidezza Strutturale l’ultimo fattore ad influenzare la spinta del tuo attrezzo da gioco.

Direi che in questo caso, se si ha ben presente cosa si intenda per rigidezza, il legame che essa ha con la spinta è abbastanza logico.

Volendolo ulteriormente chiarire, possiamo utilizzare nuovamente l’esempio ( banale ) del paragrafo precedente. Come?Beh, diciamo che a colpirti sia un pugno con il polso bloccato ( ad esempio da una steccatura o un gesso, o una fasciatura rigida ). Anche in questo caso, ho proprio idea che avvertiresti più dolore!

Tornando “alla realtà dei fatti”, se il tuo attrezzo da gioco non tende a flettere/ammortizzare troppo l’impatto con la battente, quello che ne conseguirà sarà una maggiore penetrazione del colpo con conseguente sviluppo di maggiori corse delle bilie.

Concludo sulla Spinta di una Stecca da Biliardo dicendo che …

Ok. Con questo articolo credo di aver esaurito l’infarinatura circa questo dolente argomento.

Per completezza, preciso nuovamente che fin qui si è parlato di Spinta come fattore caratterizzante un attrezzo da gioco. Come sempre è possibile intervenire per calibrazioni raffinate; difficile stravolgere totalmente una stecca che abbia determinate caratteristiche di tipo strutturale.

Se sei un giocatore con una certa sensibilità, puoi anche pensare di intervenire sul fattore spinta attraverso variazioni di sbracciata. Ritengo comunque che questo genere di soluzione alla lunga non paghi.

Ora torno al mio lavoro, nella speranza di esserti stato d’aiuto.

Lascio a te la parola: esprimi pure le tue considerazioni o poni le tue domande utilizzando l’apposito spazio dedicato ai commenti. Se possibile tenterò di leggere e rispondere in tempi brevi.

Ti invito nuovamente a condividere questo articolo sui social ( Facebook, Google+, Twitter ecc.) di modo da aiutare qualche altro tuo amico appassionato che nutra dubbi circa la questione.

Un saluto e … alla prossima.


NOTA IMPORTANTE:

Ti ricordo che è da poco disponibile una interessante Applicazione per dispositivi Mobili interamente dedicata al biliardo; si chiama ” A Tutto Biliardo” e puoi scaricarla direttamente dal sito ufficiale; pigia sull’immagine visita il sito e scaricala 😉  …

Applicazione A Tutto Biliardo